martedì, maggio 30, 2017

Red & Blue - Trilogia delle Gemme #1 #2 di Kerstin Gier


Viaggi nel tempo, quante opportunità può offrire un romanzo incentrato su questo magnifico aspetto? molte, e molto intriganti.
Sto per parlarvi di Red e Blue, primi due volumi della trilogia delle gemme di Kerstin Gier. 


Vi dico già che molti anni fa avevo trovato una piccola anteprima dei primi due capitoli di Red e, due anni fa quando per caso passavo su un canale ho capito immediatamente che il film era basato su quel romanzo. Solamente da due nomi, letti probabilmente sette/otto anni fa', Charlotte e Gwendolyn. Ovviamente ho guardato il film in questione, Ruby Red, ma di questo parleremo in un altro post.

Tornando a noi, vi dico questo per farmi capire come siano rimasto impresso nella mia mente quei pochi paragrafi, e questo dice molto su un libro. 




Gwendolyn è una normalissima sedicenne che trascorre le serate al telefono o a guardare film con la sua migliore amica Leslie, fino a quando un pomeriggio dopo scuola scopre di poter saltare nel tempo, è lei la portatrice del gene e non la cugina Charlotte come tutti pensavano dal giorno della sua nascita. La sua vita viene completamente sconvolta, si ritrova a trasportata nel passato per tre volte in un giorno e tutto questo è incontrollabile. D'ora in poi la sua vita sara legata alla Loggia società segreta dei Viaggiatori del Tempo, ed al Cronografo, un marchingegno che le permetterà viaggi controllati  e apparentemente sicuri.
La parola chiavi è apparentemente, visto che tutto quello che accadrà dal suo primo salto sarà tutto fuorché sicuro. E di certo essere circondata da persone che la credono una bambina, che le dicono cosa fare senza darle una spiegazione e che si comportano da grandi maestri con grandi ed importanti progetti non è il massimo. Soprattutto quando viene trattata come un pupazzo a comando. Dopo tutto doveva essere Charlotte il tanto famoso Rubino, ed è stata lei quella ad essere preparata per quel ruolo, studiando nei minimi dettagli la storia, l'etichetta, il ballo, imparando ad usare vari strumenti musicali, partecipando a lezioni di scherma e di mistero... 
insomma proprio un bel casino....

Ah giusto, non dimentichiamo di Gideon De Villiers, l'altro viaggiatore del tempo, il Diamante, cresciuto con Charlotte, arrogante borioso ragazzo so tutto fare. Ovviamente anche perfettamente affascinante. Il tutto sotto l'attento sguardo del Conte, il grande e misterioso Conte di Saint Germain. Uno dei più importanti viaggiatori del tempo, colui che ha messo in funzione il cronografo e che ha reso note le profezie che circonda ogni singolo viaggiatore, 12 in tutto. Il creatore della Loggia, un uomo pericolo e potente... ma anche morto da trecento anni. Ma che importanza ha quando si può viaggiare fino ad incontrarlo e quando il suo lascito è quantità assurda di documenti e testimonianze su tutto ciò che è accaduto e che dovrebbe accadere? insomma il Conte e la Loggia lavorano per il bene superiore della popolazione umana... per quanto tutti quelli che hanno a che fare con loro hanno sempre ritenuto, ma i veri piani del conto quali saranno? eh...

Come iniziare a descrivervi tutto il mistero che impregna queste pagine? non ne ho propria idea, sappiatelo. Sotto la superficie di questa storia si annida una complicata ragnatela di complotti non bene identificati dai nostri ultimi viaggiatori. Si, alla fine anche Gideon inizierà a farsi qualche domanda su quella che è sempre stata la sua missione, e sul possibile fatto che, dopo tutto, le azioni compiute dal Conte non siano proprio limpide e altruiste come voglia far sembrare... 
Gideon in realtà non è affatto come appare per la prima volta a Gwendolyn, è molto più complicato e gentile di quel che sembra. Dopotutto anche la sua vita è legata al Cronografo, e non è stato di certo bello crescere fra tutte quelle lezioni e quelle regole per un destino che non ha mai voluto. Senza parlare del fatto che sia cresciuto con uno zio di qualche strano grado (non ho ancora capito l'albero genealogico dei De Villiers...) visto che la madre ha preferito trasferirsi in Francia con il nuovo marito.
Ah giusto, lo sfondo di questa saga è l'Inghilterra! Aww... 

Gwendolyn è una grandissima protagonista, tosta, irremovibile, divertente, intelligente e con un gran cuore. Oh giusto, non si fa' mettere i piedi in testa da nessuno! 
In questi due libri la vedremo accettare la difficile situazione in cui deve vivere e cercare di scoprire più cose possibili sul suo destino, sul passato della sua famiglia e sulle reali intenzioni del Conte senza, possibilmente, rimanere uccisa nel mentre. Il vero piano del Conte non deve essere messo a rischio da una ragazzina come Lei.. 
Purtroppo non sarà così semplice per Gwen. Fortunatamente con Lei ci sarà la sua migliore amica, Maddie, la zia un po' pazza con le sue strane visioni e degli alleati improbabili, dei fantasmi davvero esilaranti...


Aww in questo libro non manca proprio niente, mistero, azione, intrighi, sentimenti e balli nell'Inghilterra del XVIII° secolo! Il tutto corredato da un guardaroba adeguato e colorato, da un Gideon a tratti divertente <--- e da scene a dir poco esilaranti e surreali.

In questi due volumi della trilogia, le vicende si svolgono nell'arco di qualche giorno, questo rende la lettura tremendamente veloce, cosi come la scrittura entusiasmante della Gier! Il che mi ha portato a finire Blue in due giorni, purtroppo per me. Vi giuro, gli ultimi due capitoli di Red ed il primo quarto di Blue si svolgono nella stessa giornata! Immaginate quante cose siano accadute... Non vedo l'ora di poter concludere la saga e chiudere il cerchio (letteralmente, leggi Cronografo) e scoprire cosa diavolo si nasconda sotto tutti questi misteri problemi.

Fangirl livello 2000. 

xoxo -J






Nessun commento:

Posta un commento