venerdì, agosto 22, 2014

Quello che c'è tra Noi di Huntley Fitzpatrick

Avevo voglia di una lettura fresca e leggera per l'estate, si come no, fresca e leggere, leggera e fresca, volevo anche che mi durasse una o due settimane, certo magari intendevo due o tre giorni eh? Ecco sto parlando di un uscita di qualche settimana fa' della De Agostini, Quello che c'è tra noi di Huntley Fitzpatrick, di cui preferisco il titolo originale My life next door, esprime meglio la storia fra le pagine, ma dicevo, leggere e fresca, beh leggere mica tanto, ma non è nemmeno un concentrato di emozioni pesanti e complesse.. Okay bene come al solito mi sto esprimendo male... Ricominciamo..


Libro interessante, ora non ricordo se sia uno Young Adult, comunque siamo al liceo, in estate prima dell'ultimo anno... Direi che si sente che l'età della protagonista è giovane, ed è fresca, innocente, alle prima esperienze, ma anche abbastanza matura da fare la cosa giusta al momento opportuno, e questa è un'ottima qualità per un libro letto da giovani. 
La protagonista Samantha Reed, è giovane, con una famiglia benestante ma non proprio amorevole, la madre troppo impegnata per la perfezione, la pulizia e la politica, e la sorella troppo occupata per fare l'opposto di quello che vorrebbe la madre, ragazzi e vacanze... 
Sam cresce fra lo studio e gli impegni sociali della madre e le varie attività scolastiche, ma Sam nasconde un segreto alla madre, in tutti i momenti liberi, scappa sul terrazzino nascosto dal tetto nella sua camera per spiare la numerosa famiglia di vicini (che la madre non sopporta, troppo caotici, disordinati e sotto la media)...
E poi, c'è Jase Garrett, beh Lui è diverso, sentimentale, dolce, sicuro,amorevole e altre mille coseee...** e il modo in cui parla della sua famiglia, il modo in cui è legato a loro, è una cosa bellissima.. è un ragazzo con la testa sulle spalle, sempre impegnato fra gli allenamenti per la squadra di Football, il lavoro nel negozio del padre ed oltre a tutto ciò trova anche il tempo di aiutare la madre con i fratelli più piccoli.
 Parliamo un attimo della famiglia Garrett, tutti i componenti sono fantastici a modo loro e nel libro c'è il tempo di scoprirlo e di capire un poco di loro, i più piccoli hanno un po' più di spazio visto che i protagonisti si occuperanno di loro, George, che se non ricordo male dovrebbe avere 3 anni scarsi, è di un simpatico assurdo, è un tipetto fantastico, tutto fissato con National Geographic e mille domande sugli animali, e come non tener conto della più piccola di casa? Patsy, che con qualcosa come meno di un anno sa solo due parole che.. ragazzi! ed è fissata nel tirare giù il top del costume! Come non intenerirsi con Alice alle prese con un ragazzo e il mai in arrivo primo bacio? Mentre la signora Garrett è così amorevole e confortevole anche fra le pagine...

Sam invece, deve cavarsela da sola, non fare mai errori e purtroppo anche la sua migliore amica si
rivela un po' stronza, quindi figuriamo quanto è contenta di passare il suo tempo a casa Garrett e sopratutto di avere Jase. La loro storia nasce piano piano, così tutto d'un tratto, ed è tutto così normale e tenero che mi fa emozionare. Si scoprono a vicenda, camminano insieme passo dopo passo, non è una storia romanzata che passa dal settimo cielo alla tragedia in due minuti, ma non è nemmeno tutta rosa e fiori... Ovviamente qualche ragione di lite c'è, soprattutto per una decisione di Samantha. 
Per movimentare un po' la storia, forse metà libro succede una cosa, una cosa molto brutta che ti mostra il bene e il male, la scelta giusta e quella sbagliata, il coraggio di intraprendere quella giusta anche se significa perdere tutto quello che hai creato per il bene di altri e per assumersi le proprio responsabilità.
Oltre a tutto ciò, in questo libro si contrappongono due tipi di unità famigliare totalmente diversi l'una dell'altra, una famiglia con entrate modeste, ma con grande amore e valori, ed una molto agiata ma anche molto rigida, quasi senza affetto... Devo dire anche che mi ha fatto sentire un po' d'America tutto questo, il che forse, non guasta... 

Direi che Quello che c'è tra noi, è un gran bel libro, fresco, ma saggio, affettuoso e simpatico.... A dirvela tutta, mi farebbe piacere far parte di una famiglia come quella dei Garrett... 

Oh, la copertina italiana è proprio odiosa eh? per fortuna che ho acquistato la versione EBook! L'originale è così caaarinnna, come il titolo molto più appropriato!

xoxo -J



Nessun commento:

Posta un commento